Il nosto TeamPillole di Bioterapia Nutrizionale

Pillole di Bioterapia Nutrizionale

DIABETE TIPO  2—DISMETABOLICO—

Il diabete di tipo 2 o dismetabolico, non insulino dipendente è una malattia metabolica causata per lo più da insulino-resistenza periferica.
Questo tipo di diabete è caratterizzato da una combinazione di diversi fattori. I più comuni sono:

  • Stile di vita;
  • Fattori genetici;
  • Alcune patologie endocrine.

Fattori predisponenti sono:

  • Obesità;
  • Sedentarietà;
  • Errori nutrizionali;
  • Stress;
  • Impego di alcuni farmaci: glucocorticoidi, tiazidici (classe di diuretici), betabloccanti, antipsicotici e statine comunemente usate per ipercolesterolemie;
  • Familiarità.

Questo tipo di diabete rappresenta circa il 90% di tutti i casi di diabete.

Nel diabete tipo 2 occorrerà tenere in considerazione eventuali problematiche collaterali quali obesità, ipertensione e rischio cardiovascolare, oggi accomunate nella cosiddetta “sindrome metabolica”.

La giusta programmazione bionutrizionale sarà utile nel migliorare simultaneamente tutte le funzioni organiche alterate, a condizione di associare adeguatamente gli alimenti nella composizione dei pasti.

Occorrerà innanzitutto mantenere basso il carico glicemico complessivo, riducendo i glicidi a rapido assorbimento come zucchero, vino ed alcolici in generale, dolci, la maggior parte dei frutti, ecc.

Privilegiare gli zuccheri complessi a lento rilascio come pane, pasta, riso integrale, polenta ecc., abbinando loro una buona quota proteica o lipidica per modulare l’assorbimento e la gestione degli zuccheri.

Inoltre occorrerà migliorare l’insulino-resistenza, causata dalla inefficienza dei recettori periferici per le alterazioni strutturali a livello delle membrane cellulari.

L’esperienza bionutrizionale ha dimostrato che tale risultato può essere raggiunto favorendo l’eliminazione dei radicali liberi e di altre scorie organiche, riducendo l’assunzione di alimenti fortemente manipolati e/o addizionati da sostanze di vario genere e fornendo all’organismo acidi grassi di alto valore biologico che possano ripristinare le normali funzioni della membrana cellulare essendo essa composta per lo più da lipidi.

ESEMPIO DI CENA

Porzione di pasta all’arrabbiata, cicoria ripassata in padella con olio, aglio e peperoncino, pesce lesso condito con olio e prezzemolo.

L’olio favorirà le funzioni cardiovascolari e rallenterà l’assorbimento degli zuccheri a livello intestinale.

La cicoria avrà un effetto drenante e diuretico e faciliterà l’eliminazione dei cataboliti organici.

Il pesce, privato di una parte dei sali per diluizione nell’acqua di bollitura, avrà un effetto di stimolo metabolico e di attivazione del pancreas nella produzione di insulina endogena per merito del contenuto di iodio e fosforo.

Il prezzemolo sarà un fluidificante ematico.

FONTE: Fausto Aufiero, Michele Pentassuglia, “ il ruolo nutrizionale e terapeutico degli alimenti” Vis Sanatrix Naturae.
FONTE DELL’IMMAGINE: http://benesserealimentazione.blogspot.com/p/chimica-degli-alimenti.html

Leggi anche:

Il nostro Team: Valeria Mammarella
Pillole di Bioterapia Nutrizionale: il carciofo
Menu